• Home
  • Notizie e approfondimenti

S.Messa - variazioni nel testo delle preghiere dal 29/11/2020

Stampa

Con domenica 29/11/2020 si apre l’Avvento ed il nuovo anno liturgico. Con questa data inizia l'utilizzo del nuovo messale per la liturgia Eucaristica, che prevede anche diverse modifiche dei testi pregati dai fedeli, evidenziate nel seguito.

 Atto Penitenziale

Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli e sorelle, che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni, per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa. E supplico la beata sempre Vergine Maria, gli angeli, i santi e voi, fratelli e sorelle, di pregare per me il Signore Dio nostro.

 Invocazioni

Vanno recitate, da sacerdote ed assemblea, nell'antica formula greca, secondo l'originale del Vangelo.
  • Kýrie, eléison.    Kýrie, eléison.
  • Christe, eléison. Christe, eléison.
  • Kýrie, eléison.    Kýrie, eléison.

 Inno (Gloria)

Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini, amati dal Signore.
Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre, tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo, Gesù Cristo, con lo Spirito Santo: nella gloria di Dio Padre. Amen.

 Preghiera del Signore (Padre Nostro)

Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male.

 Riti di comunione

La nuova formula recitata dal sacerdote è:
  • Ecco l’Agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati del mondo. Beati gli invitati alla cena dell’Agnello.

Il popolo acclama la consueta preghiera:

  • O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma dì soltanto una parola ed io sarò salvato.