Il Gruppo Caritas della Parrocchia Madonna di Rosa e S.Stefano

Nel corso della storia, la carità ha trovato espressione in grandi santi e testimoni, laici e religiosi, che in modo personale prima e comunitario poi, hanno promosso e praticato tale virtù.

Specialmente dopo la seconda guerra mondiale la testimonianza della carità è andata via, via organizzandosi; si sono moltiplicate le forme associative in tutto il mondo, è cresciuto l’impegno caritativo delle comunità parrocchiali, manifestando la grande risposta cristiana al comandamento dell’amore.

Papa Paolo VI, sull’onda del Concilio Vaticano Secondo, ha istituito per statuto, la Caritas, definendola: "l’organismo pastorale ufficiale della chiesa per la promozione e l’animazione della testimonianza comunitaria della Carità".

Quale il ruolo della Caritas? Quello di fare colletta, di distribuire pacchi, viveri, vestiario, pagare bollette?

La Caritas è anche questo, come segno di una Chiesa che si commuove, che ha compassione e ascolta il grido di aiuto dei poveri.

Ma la Caritas ha anche un altro volto, il più vero: è il volto di Cristo che è entrato nella storia dell’uomo, ne ascolta la sofferenza e lo aiuta a rialzarsi e a camminare; è il volto stesso della Chiesa, nata dalla parola di Dio e nutrita dall’Eucaristia, che diventa capace di guarire, come ha fatto Cristo stesso.

Tale servizio di Carità la chiesa lo attinge dall’amore di Dio che si è incarnato: il Figlio di Dio fatto uomo mostra la carità infinita del Padre. Nella sua azione la Chiesa deve lasciare trasparire questo fondamento dal quale nasce e sul quale è costituita. Le comunità spesso sono un insieme di molte attività, che nascono da una pluralità certo positiva, di gruppi e carismi personali, ma che sono alla ricerca di una non facile progettualità comunitaria.

In questo contesto la Caritas ha il compito di cercare un linguaggio per parlare a tutti. Va riscoperta la sua prevalente funzione pedagogica che è quella di educare, un’educazione appassionata rivolta alla crescita della comunità cristiana, che tenga conto della complessità delle persone e del loro vivere sociale.

Oggi più che mai siamo chiamati a scendere "da Gerusalemme a Gerico", dal tempio alla società degli uomini, dalla celebrazione del mistero d’amore alla testimonianza dell’amore; detto brevemente, il vangelo deve entrare nella vita e quindi nella storia degli uomini.

Per ricondurre quanto fin qui è stato detto, all’ambito parrocchiale, si riportano le parole di Don Mazzolari: "la Parrocchia deve essere lo strumento di una carità senza limiti, come senza limiti sono i bisogni di chi vi abita, dei vicini che sono pochi, dei lontani che sono molti".

Per altri approfondimenti si rimanda al sito della Caritas diocesana www.caritaspordenone.it.

 


Il Gruppo Caritas della Parrocchia Madonna di Rosa e S.Stefano gestisce un Centro Raccolta e Distribuzione Indumenti ed altri materiali utili. Ci trovate nei locali di fronte al campanile, in Piazzale del Santurio 3. Nella pagina "Dove siamo" del nostro sito c'è anche una mappa che evidenzia la nostra posizione (link diretto alla mappa).

A chi intende donare oggetti chiediamo di non portare cose rotte, sporche o malfunzionanti: per rispetto di coloro cui sono destinate e di coloro che le trattano.

Orario: Martedì 20.00-22.00 e Sabato 10.00-12.00
Tel: 0434/82195